Osvaldo Verri da dieci anni è autore per servizi di reportage alla trasmissione Le Iene. Regista del film Moltitudini al G8 di Genova, evento al festival del cinema di Locarno nel 2001. Regista del lungometraggio Heroin, con Amanda Lear e Fura del Baus, prodotto da Abel Ferrara nel 1998. Autore di reportage per la maggiori reti Tv italiane e per Tv3 Catalunya e France 2. Ha inoltre vinto il festival di Bellaria con il documentario I cancelli della memoria, con Renato Curcio, Living Theatre, Mutoid e Andrea Pazienza.

Ho aderito al progetto Derive Approdi, perché in linea con l’idea che ci portò a sperimentare la Telestreet No-Made Tv a Milano, per poi approdare, al web (NOMADETV24 su youtube e No made tv in Facebook) sempre con lo stesso nome e medesime intenzioni: No-MadeTv, «immagini mosse» che cercano di muoversi tra le fessure del mercato. Partecipano, con immagini e suoni nati da strumenti funzionali a ogni progetto, interpretazioni di intelligenza collettiva multiforme, a questa nuova scommessa. Davanti alle strategie del marketing dell’immagine, attualmente si aprono solo percorsi che restano di nicchia. Questo progetto può contribuire ad allargare la visibilità altra di storie meno ovvie, alternative nello stile, nel contenuto e nell’immaginario a quanto 
ci impone il mercato. La scommessa di No-Made Tv è produrre comunicazioni nello stesso terreno vitale del lavoro chiamato precario e condividerle con DeriveApprodi. La possibilità di elaborare idee, diversità e avere pubblico oggi è fatta di situazioni, di intermittenza del denaro e continuità di passione. I No-Made video accettano la scommessa. Lavori indipendenti per vivere da indipendenti.