Valerio Guizzardi (Guizzo), inizia la sua militanza comunista a quattordici anni nella Fgci (1966). Nel 1969 aderisce a Potere operaio e vi milita fino allo scioglimento, nel 1973. È tra i fondatori dell’Autonomia operaia a Bologna (area Rosso). Nel 1976-77 collabora con la rivista «A/traverso» e con Radio Alice. Viene successivamente coinvolto in inchieste giudiziarie e sconta il carcere. Successivamente partecipa alla nascita e crescita dei Centri sociali e da quei contesti si occupa di carcere nella Rete Sprigionare per la liberazione dei prigionieri politici.

Dal 2001 è attivista nell’Associazione Culturale Papillon-Rebibbia e nel 2007 partecipa alla fondazione, e diviene presidente, della Cooperativa sociale Croce Servizi, dedita al reinserimento socio lavorativo dei reclusi in misura alternativa. Si occupa inoltre di cultura antagonista, studi, conservazione e promozione della memoria storica dell’«altro movimento operaio». È stato tra i fondatori delle riviste di movimento «Banlieues» e «Frame», oltre che coautore del libro Avete pagato caro non avete pagato tutto. La rivista «Rosso» (1973-79) pubblicata da DeriveApprodi (1998) con la quale collabora dai tempi dell’omonima rivista.

Perché ogni cosa che fa DeriveApprodi è sempre ben fatta, punto.